Uscire con il bebè fa bene a lui e a te!

Posted in BLOG   |   By

Sara

14/11/20 07.19

uscire freddo bambino





Abbiamo già parlato di come la borsa cambio può trasformarsi in un’amica fedele

durante le prime passeggiate con i nostri piccoli, stavolta parliamo invece più specificamente proprio delle uscite,

un altro argomento che mette in crisi alcune neomamme, soprattutto d’inverno,

se non sono state informate nel modo giusto.

Molte infatti, pensando di proteggere i figli da malanni, batteri, inquinamento e chi più ne ha più ne metta,

tendono ad isolarsi e a trincerarsi dietro le quattro mura domestiche,

specialmente quando il parto è avvenuto a pochi mesi dalla stagione invernale.


È invece ormai risaputo quanto sia importante per l’immunizzazione portare i neonati all’aria aperta.

Trascorrere tempo fuori casa fa bene, sia ai bimbi che alle mamme che, passeggiando e spingendo la carrozzina o il passeggino, smaltiscono più velocemente il peso eventualmente accumulato in gravidanza e soprattutto si svagano, distogliendo la mente da tutte quelle incombenze quotidiane che la casa ci ricorda in continuazione.

Uscire non fa bene al piccolo solo perché il sole, l’aria e la luce favoriscono la sintesi della vitamina D, fondamentale per la crescita e la calcificazione delle ossa, ma anche perché rappresenta un’occasione unica per ricevere nuovi stimoli, socializzare ed abituarsi alla presenza di rumori, odori, persone diverse dai familiari.

Ovviamente, è preferibile uscire nelle ore più miti e scegliere luoghi tranquilli, lontani dal traffico e ricchi di verde, come il parco giochi più vicino, soprattutto se dotato di panchine su cui sostare ad allattare.

Altra accortezza, oltre a quella di portare dietro una borsa cambio ben fatta, è quella di vestire adeguatamente il piccolo in base alla stagione, tenendo conto se potrà essere esposto al freddo o al sole, munendosi eventualmente anche di una buona crema solare.

E ricordatevi che, in caso di maltempo, anche una passeggiata al centro commerciale, fatta negli orari in cui è meno affollato, può rappresentare un momento di svago sia per i bebè che per le mamme.