Sostanze cancerogene nei pannolini: l'allarme dalla Francia

Posted in BLOG   |   By

Sara

13/06/18 06.22

glifosato nei pampers




Sostanze cancerogene nei pannolini: l'allarme dalla Francia

Lo studio, effettuato nell’ambito di un controllo di qualità da Love & Green (azienda francese leader nei pannolini ecologici), partner dell’Associatione Santé Environnement France, si è concentrato in particolare sui pannolini della nota marca Pampers e ha riscontrato nei prodotti per bambini leader sul mercato la presenza di derivati del petrolio.

Queste sostanze, considerate tossiche dall’UE, sono inserite nella lista di ingredienti con cui sono realizzati i pannolini con la funzione di evitare irritazioni ai bambini, molte mamme si trovano infatti bene con questi pannolini considerati tra i migliori per non far venire fuori sfoghi su genitali e culetto.

love&green family

Ma cosa si trova esattamente all’interno dei pannolini Pampers?

Gli IPA (idrocarburi policlicici aromatici), ovvero sostanze derivate dal petrolio (in particolare benzoanthracene e crisene segnalato sulle confezioni come petrolato) che l’Unione europea ha classificato tra le sostanze cancerogene.

A questo proposito l’Ue nel Regolamento N. 1272/2013 della commissione del 6 dicembre 2013 scrive:

"Le sostanze benzo (a) pirene, benzo (e) pirene, benzo (a) antracene, crisene, benzo (b) fluorantene, benzo (j) fluorantene, benzo (k) fluorantene e dibenzo (a, h) antracene, qui di seguito denominati ‘idrocarburi policiclici aromatici (IPA)', sono classificate come cancerogene di categoria 1B, conformemente all'allegato VI del regolamento (CE) n.1272/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008 relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele".

C’è da sottolineare però che, nonostante la cancerogenicità, un certo quantitativo di petrolati è consentito nei prodotti circolanti nell’Ue (massimo 0,5 grammi per ogni chilogrammo). Naturalmente i pannolini presentano un quantitativo minore rispetto a quello massimo consentito (0,2 grammi per kg) anche perché altrimenti non potrebbero essere venduti nel nostro paese così come negli altri aderenti all’Ue. Che nei pannolini Pampers così come in prodotti di altre marche siano presenti petrolati si sa da tempo e basta sentire l’odore e anche un semplice sospetto viene confermato. Oltre tutto l’etichetta (anche se è molto piccola e nascosta) parla chiaro. Insomma la ricerca non ha scoperto nulla di nuovo.

Cosa possiamo fare per limitare l’esposizione dei nostri bambini a queste sostanze potenzialmente dannose?

Scegliamo un pannolino usa e getta composto da materiali di alta qualità, naturali e compostabili senza l'aggiunta di sostanze derivate dal petrolio come quelli che trovi su www.miscappalapipi.it

sostanza cancerogene nei pampers

Pannolini Love&Green